Accademia Sport Trapani, due ragazzi impegnati in uno stage con la Sampdoria

2147

Accademia Sport Trapani e Sampdoria: binomio ormai sempre più collaudato. La società trapanese dal 2015 è partner ufficiale della squadra blucerchiata per la scoperta e la formazione di nuovi talenti. Dal 26 al 31 ottobre scorso, infatti, due tesserati dell’Accademia hanno preso parte al secondo stage tecnico a Bogliasco: si tratta di Mirko Gambicchia, centrocampista, classe 2004, già al secondo tirocinio; e Jacopo Castiglione, anch’egli centrocampista, 2005. I due sono stati ospiti della partita Sampdoria Inter e hanno avuto anche la fortuna di incontrare i giocatori della prima squadra, con i quali scambiare dei saluti e immortalare il momento con delle foto di rito. Ulteriore manifestazione durante questi cinque giorni perché l’Accademia Sport Trapani è stata ricevuta insieme ad altre scuole calcio d’Italia che sposano il progetto “Next Generation”. «Un bel momento di confronto», afferma Francesco Gambicchia, allenatore e uno dei fondatori della realtà Accademia Sport Trapani.

giampaolo-acc«I ragazzini hanno svolto tre allenamenti con i loro pari età, favorendo così un graduale inserimento nelle squadre delle rispettive categorie – prosegue Gambicchia -. Gli allenatori hanno potuto così constatare le loro condizioni atletiche, calcistiche con uno sguardo sull’aspetto comportamentale, particolarità fondamentale per i blucerchiati. Vogliono rivederli il prossimo anno, chiedendomi di informarli periodicamente: il progetto Sampdoria vuole far crescere il futuro campione sotto tutti i punti di vista. Il nostro programma con la società del presidente Ferrero prosegue anche con quello del Trapani Calcio: quest’anno tra i granata si contano quattro nostri ex calciatori come Fabian Nieto e Nicola Culcasi, entrambi 2000, Saul Castiglione e Simone Culcasi, due 2002. Ciò a testimonianza del fatto che da parte della Sampdoria c’è grande attenzione nei nostri ragazzi, ma ci inorgoglisce dare al Trapani Calcio atleti con la possibilità di misurarsi in realtà importanti come possono essere i campionati nazionali di under 15 e under 17. Questi cinque giorni testimoniano ancora una volta la crescita della nostra Scuola Calcio, perché ci hanno dato la possibilità di confrontarci con delle metodologie di lavoro adottate da uno dei migliori settori giovanili d’Italia, la Sampdoria. Basta vedere le classifiche che vanno dalla Primavera fino all’under 15; in questo la Samp primeggia perché lavorano in maniera differente rispetto a tute le altre società con l’istituzione di centri “Next Generation”, di cui noi dell’Accademia abbiamo l’onore di far parte. Abbiamo visto come gli allenatori si rapportano con i ragazzi durante le sedute, in modo da poter apprendere anche noi tecnici. Mirko e Jacopo rimangono comunque sotto la lente della Samp con la speranza di poter portare altri ragazzi che vengono sistematicamente scelti da tecnici doriani che periodicamente, ogni mese, arrivano a Trapani per impostare un lavoro di programmazione bilaterale».