La Pallacanestro Trapani punita dall’ex Legion. Vince Reggio Calabria

344

Brutta sconfitta della Lighthouse Trapani al Pala Calafiore contro la Viola Reggio Calabria. La partita può riassumersi in due fasi: per 25’ i ragazzi di coach Ducarello sono stati bravi ad imporre il loro gioco riuscendo a raggiungere anche il +12, poi, grazie alla zone-press molto aggressiva predisposta da Paternoster, la Viola ha chiuso bene le trame offensive dei granata e trovato sempre l’uomo libero in attacco. Per i padroni di casa strepitosa la performance dell’ex Alex Ligion che ha concluso il match con 35 punti, 7 rimbalzi e 4 assist.
1°Quarto. Trapani parte con Renzi, Scott, Ganeto, Mays e Viglianisi. La Viola risponde con Caroti, Legion, Fabi, Radic. Dopo 2′ a retine inviolate la gara si sblocca con un lay-up di Ganeto e due bombe consecutive di Mays, con i granata a condurre 0-8 al 3′ minuto di gioco. Reggio si sblocca mandando tre liberi a segno, ma subito risponde Viglianisi in penetrazione con Paternoster costretto a chiamare time-out (3-10). Legion con un jump shot e un assist guida i padroni di casa, ma subito Mays risponde in lay-up. La Viola stringe le maglie in difesa e con Legion scatenato in attacco rientra subito in partita, costringendo i granata al time-out (13-14 al 7′). Ancora Legion dall’arco firma il sorpasso dei padroni di casa. Trapani forza in attacco e la Viola risponde con Radic da sotto. Dopo un ottimo avvio dei granata la frazione si chiude sul 19-17 per i padroni di casa.
2°Quarto. Al rientro in campo è subito botta e risposta tra le due formazioni. Al 12′ è 24-21 per Reggio. Ganeto riporta il match in parità dalla lunetta, ma immediatamente la viola rimette il muso avanti con Radic. Al 15′ il punteggio è fermo sul 26-24. Viglianisi risponde a Legion, poi un’ottima azione dei granata sull’asse Mays-Ganeto vale il nuovo vantaggio (28-29) a 3′ dal riposo lungo. Time-out Paternoster. Trapani prova a scappare con una bomba di Filloy, ma un canestro di Radic mantiene il match in perfetto equilibrio. Un altro long-two di Filloy e un contropiede di Ganeto valgono il nuovo +6. La frazione si chiude 30-36 per i ragazzi di coach Ducarello.
3°Quarto. Al rientro in campo la Viola realizza da 2 con Legion e schiera una zona 2-3 in difesa. Dopo 2′ di digiuno i granata tornano a segno con una bomba di Mays, poi Renzi risponde a Legion (34-41 al 23′). Un 3+1 di Mays e due ottime difese e ripartenze valgono il nuovo massimo vantaggio per i granata (37-49 al 25′), e costringono coach Paternoster al time-out. La Viola prova a rientrare con un break di 5-0 firmato da Caroti, ma subito Ganeto risponde dalla lunetta. Legion con 4 punti di fila tiene a galla i padroni di casa, 46-51 al 27′ e time-out chiamato da Ducarello. I granata si affidano alle mani di Ganeto (2 liberi e una tripla), ma Reggio, glaciale dalla linea della carità, rimane agganciata. Tommasini dalla media e due liberi di Legion chiudono il periodo sul punteggio di 55-58.
4°Quarto. Carleton Scott apre la frazione schiacciando un 2+1, ma subito Radic risponde con un buon movimento spalle a canestro. Due palle perse in fila dei granata riportano i padroni di casa sul -1 costringendo Ducarello al time-out. Al rientro in campo prima Micevic da sotto e poi Fabi dall’arco portano la Viola avanti di 4 a 5′ dal termine. Dopo un’azione concitata Reggio realizza ancora da sotto con Radic e prova l’allungo. 70-63 al 36′ e time-out Ducarello. Ganeto mette a segno due punti in contropiede, ma in fase difensiva Renzi commette il suo 5 fallo personale. Prima Micevic da 3, poi Radic da sotto firmano l’allungo defintivo (+10) per i padroni di casa. Negli ultimi minuti di gara la Viola amministra con grande lucidità costringendo i granata ad alzare bandiera bianca. Il match termina 86-78.

Parziali: (21-17; 9-19; 25-22; 31-20)

Viola Reggio Calabria: Fallucca (0/2 da tre), Radic 18 (7/14; 0/1), Ciccarello ne, Micevic 8 (2/3; 1/2), Legion 35 (7/11; 4/9), Taflaj (0/1; 0/2), Fabi 11 (1/3 da tre), Formica ne, Guaccio, Marulli ne, Lupusor 2 (1/1; 0/1), Caroti 12 (3/4; 2/5).

All.: Antonio Paternoster Ass.: Domenico Bolignano; Pasquale Motta.

 Lighthouse Trapani: Tommasini 2 (1/1; 0/2), Mays 21 (4/7; 4/8), Renzi 2 (1/2), Filloy 7 (2/2; 1/6), Scott 10 (3/8; 1/5), Costadura ne, Nicosia ne, Viglianisi 13 (2/4; 2/5), Simic ne, Ganeto 23 (6/10; 1/5), Longo ne.

All.: Ugo Ducarello Ass.: Matteo Jemoli.

Arbitri: URSI STEFANO di LIVORNO (LI); CAPOTORTO GIANLUCA di PALESTRINA (RM); CATANI MARCO di PESCARA (PE)

Spettatori: 1000 circa

Dichiarazioni in Sala Stampa

Antonio Paternoster (coach Viola Reggio Calabria): “Sono veramente felice per questi due punti; questa è una vittoria che si materializza oggi ma è il frutto di settimane di ottimi allenamenti. Sono felice per la prestazione di Micevic, che ha attraversato un periodo molto difficile, e soprattutto perché sul -12, uscendo dal time-out, i ragazzi hanno avuto una reazione d’orgoglio da grande squadra e sono riusciti a conquistare meritatamente i due punti”.

Ugo Ducarello (coach Pallacanestro Trapani): “Sono molto deluso per la sconfitta. Abbiamo giocato una buona pallacanestro per 25 minuti ma poi siamo rimasti imbrigliati dalla zone press predisposta da coach Paternoster. Ci siamo ostinati a cercare il tiro da tre punti dimenticandoci di servire palloni giocabili a Renzi sotto le plance. La zona si batte con i passaggi mentre noi abbiamo palleggiato troppo non facendo muovere la difesa”.