Pallacanestro Trapani, a Biella per l’impresa

142

Si è svolta ieri, a partire dalle ore 17.00, presso la sala stampa Cacco Benvenuti del Pala Conad, la consueta conferenza stampa pre-gara. E’ stata presentata la partita contro la Angelico Biella, valida per la venticinquesima giornata della Serie A2 Citroën girone Ovest. Hanno risposto alle domande dei giornalisti presenti il coach della Pallacanestro Trapani Ugo Ducarello e la guardia granata Claudio Tommasini.

Claudio Tommasini: «Per quanto riguarda il mio stato di forma mi sento molto meglio; è la seconda settimana che mi alleno bene e le difficoltà maggiori che ho trovato sono state principalmente da un punto di vista di fiato. Sono contento di giocare con Crockett che ha già dimostrato di essere un giocatore valido ed in grado di poter fare alla squadra. Nella gara contro Latina siamo stati molto ingenui, non siamo stati capaci di dare lo strappo decisivo quando eravamo sul + 13 e poi, probabilmente, è subentrata la paura di vincere. Non mi preoccupa il fatto che si possano essere create altre gerarchie in squadra durante la mia assenza perché oggi il mio unico intento è quello di recuperare un buono stato di forma per provare a centrare insieme ai miei compagni l’obiettivo dei play-off. Mancano sei partite, non dobbiamo pensare che ci siano partite impossibili, dovremo lavorare bene con la consapevolezza che molto dipenderà da noi. Andremo a Biella con l’idea che è una partita che potremo giocarci alla pari».

 Ugo Ducarello: «La settimana è stata molto dura, abbiamo fatto lavoro di scarico perché abbiamo avuto qualche defezione. Sono abbastanza frustrato per quanto successo quest’anno dal punto di vista fisico e per la sconfitta contro Latina. Martedì, ritornando al palazzetto, ci siamo parlati ed abbiamo deciso di guardare avanti con rinnovato entusiasmo. Quella contro Latina è stata la sconfitta di tutti ed io non posso che prendermi le mie responsabilità. Abbiamo sempre avuto una buona reazione dopo ogni batosta quindi mi auguro che anche questa volta riusciremo ad essere lucidi, a dimenticare la sconfitta ed a ripartire. Biella non ha bisogno di presentazioni, è meritatamente prima in classifica ed ha perso la Coppa Italia solo in maniera rocambolesca. Ha una coppia di americani tra le migliori della categoria in termini di talento ed esperienza ma è composta da giocatori molto versatili. Andremo a Biella con la testa sgombra e con la consapevolezza che potremo giocarci le nostre chances; sarà importante rimanere sempre aggrappati al match per mettere pressione agli avversari. Dobbiamo finire il campionato nel migliore dei modi e poi ognuno farà le proprie valutazioni. Non è il momento di riflettere su cosa farò l’anno prossimo, io sono innamorato di questa squadra e la mia trapanesità mi impone di non fare altro che non sia pensare al bene di questo club».

SHARE